Viaggio in Romania – anno 2007

Nel 2007 lo svolgimento del “Progetto sulla prevenzione e contrasto della mendicità infantile” attuato con bando emesso  dalla Provincia di Roma ci fece conoscere realtà nuove e inaspettate. In quella occasione ci siamo trovati di fronte a famiglie e a minori, anche piccolissimi, provenienti dalla Romania, in particolare da alcune aree geografiche ben definite e di etnia Rom.

Circa un anno dopo la conclusione delle attività del Progetto alcuni nostri soci hanno deciso allora di fare un viaggio in Romania toccando direttamente queste realtà di disagio sociale; fino a quel momento di queste località avevamo soltanto sentito parlare.

Siamo partiti da Roma nel novembre 2007 e ci siamo fermati alcuni giorni in prossimità di Bucarest e abbiamo poi proseguito per Călărași, l’obbiettivo del nostro viaggio. In quest’ultima città, situata a sud-est della Romania e  al confine con la Bulgaria abbiamo preso contatti con il locale “Servizio Sociale per le Famiglie ed i Minori” con il quale abbiamo scambiato contatti e progetti relativamente a interventi nei confronti dei casi seguiti e in particolare delle famiglie con figli di minore età.

Di seguito riportiamo alcuni filmati e fotografie che abbiamo fatto in quella occasione. La qualità dei video non è elevata perché sono stati girati con mezzi non professionali. Ciò comunque non toglie nulla alla percezione del disagio che si può avvertire in alcune realtà sociali per le quali il cambiamento a tutela dei bambini è necessario e auspicabile.

 

 

Sulle strade verso Bucarest

In tutto abbiamo percorso in Romania circa milleduecento chilometri in macchina; in questo tragitto ci siamo spesso trovati di fronte a gravi incidenti stradali.

Le fotografie che seguono le abbiamo fatte lungo la strada da Arad a Călărași.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

I ragazzi che vivono nelle fogne

La realtà di come vivevano questi ragazzi ci ha fortemente toccato. A breve distanza dalla stazione ferroviaria Centrale di Bucarest, la “Gara de Nord” sapevamo dell’esistenza di nuclei di ragazzi senza casa che dormivano per strada o peggio dentro le fogne della città.

Non è stato difficile trovarli, le due foto che seguono le abbiamo scattate nel sottopassaggio della stazione ferroviaria, è bastato offrirgli un panino per entrare in confidenza con loro.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

La foto che segue è dell’ingresso del tombino che porta nelle fogne. Siamo vicino alla stazione ferroviaria, i cunicoli fognari durante l’inverno hanno temperature più calde dell’esterno e per questo motivo i ragazzi senza casa vanno a dormire li dentro. Le condizioni igieniche dei cunicoli sono drammatiche, così come l’igiene personale di questi ragazzi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

I sacchetti di plastica da cui sniffano questi ragazzi contengono un tipo di droga chiamata “Aurolac”, una colla vernice che li stordisce e provoca purtroppo forti intossicazioni, da quanto loro stessi ci hanno riferito.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Il Centro per i minori a Călărași

Siamo a Călărași al confine con la Bulgaria, nel sud della Romania, lungo il fiume Danubio. Nel 2007 da questa cittadina partivano per l’Italia tantissimi cittadini rumeni di etnia Rom, intere famiglie con le quali noi avevamo lavorato a Roma all’interno del progetto per il contrasto e la prevenzione della mendicità infantile.

Le foto che seguono sono relative al “Centro di Servizio Sociale per i bambini e le famiglie”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Il quartiere di Călărași: Doi Moldovan

Questo è un quartiere molto povero di Călărași, il disagio materiale e sociale è visibile percorrendo queste strade. Le abitazioni sono trascurate a volte senza finestre nonostante il freddo intenso, spesso mancano le porte d’ingresso e l’energia elettrica.

Ci ha colpito come subito sotto alcuni “bloc”, i palazzi del quartiere, ci fossero le croci del cimitero, distanti anche pochi metri dalle case.

Le condizioni igieniche il più delle volte sono impressionanti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: